Come mixare musica

Finalmente. Una guida semplice al missaggio.

Cos’è il missaggio audio?

Il missaggio audio è il processo di prendere tracce registrate e mescolarle assieme. Le tracce sono mescolate usando varie processi come EQ, Compressione e Riverbero.

L'obbiettivo del missaggio è di far uscire il meglio di una registrazione multitraccia regolando i livelli, bilanciamento ed effetti basati sul tempo (coro, riverbero, delay). Lo scopo è scolpire il tuo arrangiamento per dare un senso a tutte le tue tracce in relazione alle altre.

Una registrazione multitraccia è composta da una o più tracce individuali (anche dette “gambi”, dall’inglese "stems"). Non esiste un numero giusto o sbagliato di tracce, l’importante è che non sia zero. Il risultato finale di una registrazione multitraccia, detto "mixdown", è l’ultimo passo prima del mastering.

Non importa se stai registrando tracce con microfoni e preamplificatori o stai usando campioni preregistrati, imparare a mixare da soli è mostruosamente importante. Controllare personalmente la tua idea creativa e artistica darà una marcia in più alla tua musica. Ti renderà un produttore migliore.

Comincia con questi passi di base, che farà evolvere il tuo mix fino a quando non cercherai risorse più specifiche.

Diamoci da fare.

Controllare personalmente la tua idea creativa e artistica darà una marcia in più alla tua musica.

Scegliere il tuo software di missaggio

Ci sono tonnellate di Digital Audio Workstation (DAW) da scegliere. Spetta a te decidere quale DAW è il migliore, ma alcuni dei migliori DAW per cominciare a mixare sono:

  • Cakewalk SONAR
  • Adobe Audition
  • Logic
  • Cubase
  • Pro Tools
  • Bitwig
  • Ableton Live
  • FL Studio 11
  • Reaper
  • Studio One 3

Comincia a familiarizzare con il tuo software DAW profondamente. Il saggio missatore audio usa solo un DAW e lo conosce veramente, follemente, profondamente. Non tradire il tuo DAW. Rimani fedele e ne trarrai vantaggio.

Userò Pro Tools come esempio, ma tutti i principi sono gli stessi a prescindere da come fai il missaggio.

Preparare la tua sessione di missaggio audio

La maggior parte dei DAW forniscono ottimi schemi se non sei sicuro su come cominciare.

Per esempio, Pro Tools include lo schema "Rock" che prepara la tua sessione con tracce per:

Batteria / Basso Elettrico / Organo / Chitarra / 4 tracce audio vuote per la registrazione / Click / Mix da Cuffia Prestabiliti / Ritorno del Riverbero / Ritorno del Ritardo / Ritorno del Coro / Assolo di chitarra sexy che arriva a 3:42

Anche se questo è uno schema di un mix da band basilare, ci sono altri schemi da scegliere. Se non vedi lo schema di cui hai bisogno, creane uno. Creare il tuo schema è un grande passo nello sviluppo del tuo stile di mix. Perfetto per accendere il tuo computer e cominciare a missare partendo da zero.

Dai un nome alle tue tracce correttamente

Questo sembra super semplice, ma credimi. Fra tre mesi non riuscirai a ricordarti dove si trova il terzo shaker se è chiamato "Traccia audio 48." Se registri una "chitarra principale" allora fatti un favore e chiamala "chitarra principale" prima di premere registra. Nomi sbagliati aggiungono alla tua sessione un sacco di tempo inutile da passare nello studio.

Usa colori per gruppi di tracce

Usa un codice per colore con le tue tracce. Per esempio, rendi tutte le tue tracce di batteria gialle, tutte le tue tracce vocali blu e tutte le tue chitarre verdi.

Il flusso di lavoro base del missaggio audio

Allora, quali sono le basi del missaggio? Proprio come per la maggior parte dei processi, e specialmente nel missaggio audio, ognuno ha la propria opinione. Giusta o sbagliata, chi lo sa? Va bene. Ma ci sono regole basilari di missaggio che tutti dovrebbero seguire.

Il giusto mix con cui lavorare

Credici o no, ma dovresti missare prima di missare.

Confuso? Ti spiego. Quali sono le strutture principali che cerchi nella tua traccia? Che tipo di spazio cerchi di creare? Diretto e intenso? O distante con riverbero? Lavora per far uscire il carattere dai tuoi suoni mentre sei ancora nelle fasi iniziali della registrazione. Pensa alla visione d'insieme mentre registri o scegli i tuoi suoni iniziali.

Spingi le tue registrazioni iniziali più che puoi senza elaborarle troppo. Ottieni una prima sensazione di dove ti stai dirigendo per il mixdown finale. Impegnati ad ottenere subito buone sonorità ed evita infinite modifiche dopo, in fase di missaggio.

Basta cavolate. Usa un bus.

Immagina uno scuolabus giallo. Ora immaginalo pieno di un mucchio di suoni.

Questo rappresenta cosa è un bus in un mix. Inviando suoni multipli ad una traccia (il bus) puoi applicare gli stessi processori a tutti allo stesso tempo. È molto comodo. Provalo con un bus di batteria. Ciò ti permette di processare tutti i suoni della tua batteria come una singola unità. Trattali con lo stesso riverbero per dare la percezione che siano tutti nello stesso spazio. Oppure imposta un ritardo o un bus di compressione.

Sperimenta con quali suoni invii a quale bus. Ti garantisco che otterrai risultati davvero utili.

SUGGERIMENTO: Punta subito al bel suono ed evita infiniti aggiustamenti in seguito nella fase di missaggio.

Bilancia I tuoi livelli

Tempo di dare al tuo mix un piccolo taglio di capelli. Un taglietto qui, un'aggiustatina là. Bilancia quei livelli e non aver paura di dare un grande taglio ad alcune parti. Togli la batterie per una battuta, alza la traccia vocale per una strofa. Lasciati andare.

Trova un equilibrio base per i tuoi livelli prima di impazzire con gli effetti. Tagliali per non farli clippare dopo. Pensa subito all’headroom.

Tieni in mente un obiettivo finale mentre dai equilibrio a tutte le tue tracce. Ciò ti darà un'idea di base su come ogni traccia combacerà con le altre alla fine. L'elaborazione addolcirà le tue idee iniziali.

Guarda il panorama

Allora, cos'è il panorama?

IIl panorama è fondamentalmente la larghezza di un mix. È la larghezza da sinistra a destra del campo stereo. Il panorama ti permette di piazzare correttamente i suoni nel tuo mix. A sinistra o a destra del centro dell’immagine stereo. Tieni i suoni più pesanti e gravi vicino al centro. Cioè il basso o la cassa. Usali come la forza centrale attorno a cui lavorare. Se tutto è piazzato centralmente, il tuo mix suonerà piatto o affollato.

L'elaborazione audio: la parte divertente

Ora è tempo di prepararsi e cominciare a mixare.

Il succo del missaggio può essere suddiviso in tre aree di base. EQ, Compressione e Riverbero. Anche se il missaggio ha molte sfaccettature, queste tre costituiscono il 90% del processo. Sono la parte noiosa del missaggio. Perfeziona queste 3 aree e tutto il resto seguirà naturalmente.

Cos'è l'EQ?

Ogni suono è fatto di frequenze. La frequenza è misurata in hertz (Hz). L'equalizzazione è l'arte di aumentare, tagliare e bilanciare tutte le frequenze in un mix per ottenere il suono che si vuole.

Associa alla parte bassa dello spettro delle frequenze Barry White, e alla parte alta Mariah Carey.

Spesso si sente lo spettro delle frequenze descritto come Alti, Medi e Bassi. Gli strumenti bassi hanno un suono rimbombante, molto grave e pesante. Il loro output è soprattutto nella parte bassa dello spettro delle frequenze. Invece, un rullante o un piatto sono molto più metallici, quindi compaiono tipicamente nelle frequenze medio-alte.

Anche se questi suoni possono essere identificati o come alti o come bassi, tutti i suoni avranno importanti informazioni sia negli alti che nei bassi. Tienilo a mente quando stai mixando.

L'equalizzatore audio chirurgico

Usa i filtri. Puliscono le tue frequenze con precisione chirurgica.

I migliori strumenti correttivi dell’EQ con cui iniziare sono i filtri passa-alto e passa-basso. Sono quelli che somigliano a piccole montagne russe. I filtri passa alto e passa basso impongono limiti al segnale che vorresti far passare. Il resto viene lasciato dietro.

Ricorda che ogni traccia avrà bisogno di attenzioni speciali. Per esempio, un tom avrà bisogno di un trattamento EQ completamente diverso da un Fender Rhodes. Ascolta per imparare. Scopri quali modifiche devi fare.

L’unica cosa sbagliata che puoi fare è impedirti di sperimentare.

Intagliare

Ora è il momento di scolpire il tuo mix.

Un EQ che intaglia sembrerebbe simile ad un EQ che corregge. Questo perché lo è. Solo che in questo passo stai correggendo la tua frequenza con le altre tracce in mente. Tutto comincerà a prendere forma un po' di più. I pezzi cominciano ad interagire. Fai uscire il buono per farlo suonare perfettamente. Questo può sembrare strano ma un EQ che scolpisce bene a volte significa far uscire le parti buone di una frequenza.

Ma non preoccuparti. Fallo in modo che tutte le tue tracce siano meglio in armonia tra loro. Questo sembrerà ancora più strano, ma in questa fase la tua traccia potrebbe persino suonare male quando è da sola. Non ti preoccupare. Non appena sarà nel mix suonerà perfettamente. Questo perché hai inciso le tue tracce con le altre tracce in mente.

Immagina che la tua canzone sia come un romanzo. Ogni traccia non può essere la protagonista. Devono esserci altri personaggi per riempire la storia. Intagliare mette in ordine i personaggi. Per esempio, un EQ tagliente ti permette di far uscire suoni bassi non necessari dalle tue chiavi in modo da non mascherare il kick e i bassi. Potresti avere due elementi che lottano tra loro nella stessa frequenza, come voci e sintetizzatore. Ritaglia uno spazio per ciascuno tagliando le frequenze di uno e incrementando allo stesso tempo la stessa gamma dell'altro.

Creatività

Questa è la fase finale e più creativa nel tuo viaggio dell'equalizzazione. È la parte in cui puoi trasformare la tua traccia in ciò che vuoi ascoltare esattamente. Normalmente chiamerei questo passo miglioramento, ma non comincia con una C quindi... Dai personalità alle tue tracce. Abbelliscile. C'è un equalizzatore praticamente per tutto.

Questa è la parte in cui fai saltare le tue vocali fuori dalle casse. O far colpire il tuo kick ed esplodere il tuo rullante. O rendere struggente quella parte extra di sintetizzatore.

Prova molti EQ differenti. Metti 2 o 3 EQ differenti consecutivamente. Alcuni EQ saranno adatti per una cosa e non un'altra. Quindi ottieni il meglio da tutto mettendoli insieme. Non c'è un modo sbagliato di farlo. L’unica cosa sbagliata che puoi fare è impedirti di sperimentare.

Cosa sono le dinamiche?

Le Dinamiche si riferiscono allo spazio tra la parte col volume più alto di un suono e la parte con quello più basso. Lo spazio tra ogni parte è tipicamente chiamato intervallo dinamico. Questa definizione può essere applicata ad una canzone intera o ad uno suono specifico.

I suoni dinamici hanno un'ampia distanza tra la parte più silenziosa e quella più forte del suono. Per esempio, immagina un colpo di rullante. Ha un picco molto improvviso che non dura molto. Ciò significa che ha un'ampia gamma dinamica. Un vero fuoco di paglia. Comparalo ad una nota d'organo. Rimane allo stesso livello dal momento in cui comincia al momento in cui il tasto viene rilasciato. Questo significa che ha un range dinamico molto piccolo.

Le dinamiche esistono anche all'interno di un'intera performance. Un esempio ovvio è un cantante che canta a bassa voce la strofa,

e poi urlarla nel coro. Pensa di nuovo a Mariah Carey. La distanza tra la parte più silenziosa e la più forte può spesso essere fino a 20dB, che è un sacco, specialmente quando stai cercando di bilanciarla con un mucchio di altri elementi. Come quella nota d'organo non dinamica. Questa dinamica altalenante può rendere difficile far combaciare tutto in un mix senza dover imporre un qualche tipo di controllo.

Questo è il punto in cui entra in scena un compressore.

Cos'è la compressione?

La compressione è il processo di controllare il range dinamico. Questo si fa con un compressore che impone limiti specifici su una frequenza è rilasciata. Le parti più silenziose sono amplificate e quelle più forti sono abbassate, ottenendo complessivamente un suono più consistente e bilanciato.

Un compressore è come una brava maestra d’asilo che fa star buoni i bambini chiassosi e incita i bambini timidi a parlare. Quanto lavora un compressore è determinato dal suo fattore Ratio. Più questo è alto più il range dinamico è influenzato.

Ma perché farlo? La gamma dinamica non è una cosa buona?

È vero, le dinamiche sono buone. Ma ricorda che stai cercando di ottenere un livello consistente nel mix. Se qualcosa è troppo rumoroso risalterà e sembrerà strano. Se è troppo piano andrà perso nei meandri del tuo mix. Trovare un buon equilibrio di compressione è un'arte che richiede ascolto e apprendimento.

Questo sembra simile ad aggiustare i fader nel tuo DAW? Dovrebbe. È praticamente quello fa un compressore, ma automaticamente.

Ma stai attento a non farti prendere dall'entusiasmo. Applicare troppa compressione è un rischio. Usare la compressione solo per provare a bilanciare i livelli in un mix porterà ad un mix senza vita, senza energia e stancante. Che schifo.

Usa la compressione assieme al (guadagno) di volume per ottenere i risultati migliori.

Non compressa (dinamica)
Compressa

Cos'è il riverbero?

Il riverbero è la riflessione del suono. Tutti i suoni sono un riverbero di qualche tipo. La parte migliore del missaggio è che TU puoi controllarlo. Affronta il riverbero con due obbiettivi in mente.

L'effetto di riverbero artificiale

Tutto è permesso quando usi il riverbero come effetto. Usalo semplicemente per inventarti qualcosa che suoni bene. Qui è dove il tuo spirito si incarna nel mix. Il riverbero artificiale ti permette di fare tutte le cose che non puoi fare nella vita reale.

I controlli del riverbero possono sembrare intimidatori. Tranquillo. Prova i preset fino a quando non trovi qualcosa che ti piace. Poi puoi modificarlo a tuo piacimento. È la scelta dell'assaggiatore.

Ricordi il bus di riverbero che abbiamo impostato prima? Equalizzalo. Buttare fuori alcuni degli alti e bassi assicurerà che tu non faccia affogare altri elementi. Non vuoi seppellire quella bella maracas solo perché il tuo bus di riverbero è al massimo. Sperimenta mettendo l'EQ prima del riverbero. Quello significa che stai equalizzando ciò che entra nel riverbero. Oppure, mettilo dopo il riverbero ed equalizza ciò che sta uscendo. Tutto è permesso. Entrambi gli approcci ti daranno risultati interessanti.

Il riverbero nella vita reale

Non hai una chiesa a portata di mano, ma vuoi che la tua canzone suoni come se si trovasse in una? Nessun problema. Simulalo con il riverbero.

Sfrutta la potenza del riverbero per creare uno spazio acustico reale per il tuo suono. Fallo per aggiungere una tridimensionalità al tuo mix. Non importa se hai tracciato i tuoi strumenti separatamente. Diventa un mago del suono e fai sembrare che stiano suonando tutti insieme nella stessa stanza.

Ma sii consapevole che questa è una tecnica più sottile rispetto all'uso del riverbero come effetto. È il momento perfetto per usare quel tocco di missaggio pro che hai sviluppato da quando hai cominciato a leggere questo articolo. Comincia ad usare il preset "Piccola Stanza" o "Ambiente" sul tuo riverbero (o il preset più simile sul DAW di tua scelta).

SUGGERIMENTO: Fai attenzione all'equilibrio tra prime riflessioni e riflessioni in ritardo. Armeggia sempre. Armeggia con le riflessioni per capire cosa fanno di meglio per il tuo suono.

La visione d'insieme

Ricorda che tutti i tuoi processi dovrebbero essere fatti con la visione d'insieme in mente. Abbi un distinto senso di dove stai andando con la tua traccia e consultala spesso. Rendi il tuo mix ottimale per la fase di mastering post missaggio. L'unico modo per ottenere la canzone perfetta è fare il missaggio con la canzone perfetta in mente.

Mix di riferimento: tutti I missatori audio dovrebbero usarli

A questo punto il tuo mix procede senza problemi. Ma ci sono sempre quelle domande incombenti... Come sai se il tuo mix è accettabile? Suona come altre buone canzoni? Tutto è messo al proprio posto? Usa un Mix di Riferimento. C’è un paio di modi per farlo:

Ti piacciono i Rolling Stones? Imposta Street Fighting Man come traccia uno nella tua sessione e usala come riferimento mentre lavori. Il tuo kick arriva come il loro? La tua chitarra taglia come quella di Keith?

Esporta e LANDR a la tua traccia spesso durante il processo di missaggio. Prendi nota di cosa suoni bene o male. Ritorna al tuo mix e aggiustalo.

Un detto dice che l'ultimo 10% del lavoro è in realtà il 90% del lavoro. Usa LANDR per evitare questo blocco creativo. L'unico modo per sapere quando hai finito è sentire il master.

Trovare il giusto mix tramite ripetizione

Tutti questi processi non si fanno in un'unica volta. Torna indietro senza sosta e continua a fare piccole modifiche. Tutto crolla prima di unirsi. Il missaggio è un processo di ripetizione. Quindi datti da fare e continua a lavorare fino a quando non hai il mix perfetto.

Vai contro le tecniche di missaggio consolidate

Ora che hai imparato tutte le "regole" del missaggio, rompile tutte. Beh, forse non proprio TUTTE. Ma un buon missaggio è sempre un missaggio creativo. Corri rischi con il tuo mix.Il missaggio non è un processo che puoi imparare nel corso di una notte. È in parti eguali know-how, istinto e correre rischi. È uno dei passi più creativi nel tuo processo. Non sprecarlo seguendo una qualche guida vecchia e piatta che dice che c'è solo un modo per fare le cose. Se vuoi mettere un flanger sul tuo oboe, allora metti un flanger sul tuo oboe!

Newsletter
Sottoscrivi
LANDR © 2018 Tutti i diritti riservati.
Politica sulla Privacy
Termini di Servizio